A che punto siamo?

 




Per evitare ulteriori irreparabili danni al nostro eco-sistema è cruciale invertire la tendenza in atto e contenere l’aumento della temperatura globale entro 1,5°C rispetto alla temperatura di inizio della rivoluzione industriale.

In questo grafico vediamo molto chiaramente quanto siamo lontani dall’obiettivo e quanto sia ampia la forbice tra la traiettoria che stiamo disegnando oggi (la linea verde) e quella che ci permetterebbe di contenere l’aumento della temperatura entro 1,5°C (linea blu).

Abbiamo poco tempo per agire perché quasi tutto il riscaldamento già causato è irreversibile in quanto l’anidride carbonica resta nell’atmosfera per centinaia di anni. L’unico modo per intervenire è ridurre le nostre emissioni di CO2 nell’atmosfera fino ad azzerarle.

I governi devono fare di più, molto di più.
Ma anche noi possiamo fare la nostra parte.

Il cambiamento è nelle nostre mani.

E passa anche dalle nostre scelte d'investimento.

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis