Rendimenti negativi


I rendimenti dei BTP collocati in asta il 13 ottobre hanno registrato un nuovo record negativo.

Il BTP a 3 anni rende -0,14%
Il BTP a 7 anni rende 0,34%
Il BTP a 30 anni rende 1,48%


I rendimenti sono negativi per tutte le scadenze inferiori ai 4 anni.


Lo spread BTP-Bund viaggia intorno a quota 122, ai livelli di maggio 2018.
Solo 2 anni fa, ad ottobre 2018, il decennale italiano rendeva il 3,6%, oggi 0,66%.

A livello globali sono in circolazione la bellezza di 15 mila miliardi di dollari di obbligazioni con tassi negativi.


Sicuramente è anche con questi dati che si spiega la continua crescita della liquidità sui conti correnti degli italiani (+7% in un anno). Ma i depositi crescevano anche questa primavera quando lo spread superava i 200 punti e i rendimenti erano decisamente più alti.

Il problema della crescita dei depositi deriva dalla paura del futuro, dalla mancanza di fiducia nel sistema bancario che in questi anni ci ha abituati ad uno scandalo dietro l'altro (fallimento delle banche venete, di MPS, di CariFerrara, Banca Marche, ecc, lo scandalo dei diamanti, ecc).


Non affidare i tuoi risparmi a chi ti offre rendimenti (normalmente più alti di quelli del mercato), prodotti miracolosi o, per pigrizia, alla banca sotto casa.
Cerca solidità, affidabilità, consulenza.


Non investire i tuoi risparmi in prodotti, investi nei tuoi obiettivi!
In ciò che può renderti felice


Per farlo ci vogliono tempo, pazienza e metodo.


Investire è semplice, ma non facile e soprattutto è una cosa molto seria.

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis