La bussola dei rendimenti 3: i comportamenti



Il successo dei nostri investimenti dipende da 3 variabili:

  • L’andamento dei mercati
  • La composizione del nostro portafoglio d’investimenti
  • I comportamenti che assumiamo

 
Nelle scorse settimane abbiamo analizzato le prime due variabili che incidono sul destino dei nostri investimenti: l'andamento dei mercati e la composizione del nostro portafoglio. L’ultima variabile è quella legata ai comportamenti: quel che facciamo dopo aver investito i nostri risparmi.

Una volta che abbiamo individuato i nostri obiettivi e definito un piano per raggiungerli nei tempi stabiliti dovremmo sederci in poltrona e attendere, effettuando periodicamente qualche piccola correzione.
Spesso invece seguiamo con spasmodica attenzione l’andamento dei nostri investimenti, magari tutti i giorni. Farlo ci crea ansia e ci spinge a voler continuamente intervenire per cambiare questo o quello. Senza che siano cambiati i nostri obiettivi o le tempistiche entro cui raggiungerli. Senza che siano intervenuti degli stravolgimenti nelle condizioni di mercato. Semplicemente perché siamo esseri umani e stare a guardare la vernice che asciuga o l'erba che cresce sono un’attività che non ci si addicono.
I comportamenti rappresentano la differenza fra il rendimento dell’investimento e il rendimento per l’investitore:
 
Per avere successo negli investimenti (che sono ben diversi dalla speculazione e dal trading) bisogna avere pazienza ed è necessario un certo (molto) distacco emotivo. Prendere decisioni riguardo ad i nostri risparmi richiede tempo, raziocinio e mente lucida. Non è un’attività da svolgere in preda alle emozioni.
Tutti sappiamo che per guadagnare bisogna comprare quando i prezzi sono bassi e vendere quando sono alti. Semplice!
Sì, ma non facile.
Tanto che molto spesso accade il contrario:

Investire dovrebbe donarci tranquillità, la tranquillità che nasce dal sapere che abbiamo un piano, che abbiamo dato un nome e cognome ai nostri risparmi - le piccole o grandi rinunce che faccio tutti i giorni - e che con il tempo quelle rinunce ci permetteranno di fare il viaggio dei sogni fra 5 anni, comprare casa fra 10, ritirarci dal lavoro 3 anni prima del previsto o vivere senza rinunciare al nostro tenore di vita una volta in pensione, scegliete voi.
 
Se l’investimento invece che serenità genera in voi ansia… beh, state sbagliando qualcosa.
 
se continuate ad agire come avete sempre fatto, otterrete sempre gli stessi risultati.

È il caso di cambiare qualcosa.

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis