I perdenti di oggi saranno i vincitori di domani

    You can't see the future in the rear view mirror. Peter Lynch


Per quanto possiamo essere convinti e fiduciosi di come investiamo i nostri soldi, il futuro non mancherà di sorprenderci.

Lo vediamo bene nell'andamento dei diversi settori azionari quest'anno e l'anno scorso: i settori che hanno corso molto nel 2020 (tecnologia, salute, servizi di pubblica utilità), quest'anno sono un pò in affanno, mentre i settori che hanno sofferto nell'anno della pandemia, oggi stanno vivendo un momento estremamente positivo (energetico, finanziario, materiali, immobiliare).




Prevedere come andranno singoli titoli, settori e interi mercati è un esercizio molto arduo. Fino ad oggi nessuno ci è riuscito con costanza negli anni.


Ed è difficile, se non impossibile, per un'azienda restare molto a lungo sulla cresta dell'onda. 

Il mondo cambia, si trasforma ed evolve. E così le esigenze e le preferenze dei consumatori.


Queste di seguito erano le 20 più grandi aziende per capitalizzazione nel 1989. 




A distanza di oltre 30 anni quante di esse fanno ancora parte di questa lista?

Zero

Nessuna




"Se guardiamo le prime 20 aziende per capitalizzazione nel 1989, troviamo società ad esempio come General Electric, Exxon, e IBM Corp. Ad oggi, nessuna di queste 20 è presente nell'elenco. Nessuna. Zero. 

Sì, sembra impossibile, eppure nel 1989 eravamo molto sicuri di noi stessi come investitori, come lo era Wall Street (di cavalcare i cavalli giusti) così come lo siamo oggi, ma il mondo può cambiare in modi molto, molto importanti". Novel Investor


La storia è ricca d'insegnamenti, ma basare le proprie scelte d'investimento sui risultati passati è pericoloso quanto guidare guardando nello specchietto retrovisore.



Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis