L'importanza di mantenere l'equilibrio

 

Il portafoglio bilanciato è un portafoglio costruito per essere semplice, efficiente e poco costoso. E' pensato per un investitore con un orizzonte temporale minimo di 5 anni e una propensione al rischio media.
Ad un anno dalla sua nascita è giunto il momento di tirare qualche conclusione e di effettuare il "tagliando".



Investimento iniziale € 10.000
Data di lancio 17/04/2020

Com'è andata

Il portafoglio nel complesso ha registrato una crescita dell' 12,67% con un guadagno di € 1.267.

A questo punto, dopo un anno, è ora di ribilanciare il portafoglio (ribilanciamento strategico) e le sue componenti in modo da riportarlo alla sua composizione originale.

Perché è importante questa operazione?

- per rimettere il portafoglio sulla rotta decisa originariamente in base alle esigenze, agli obiettivi e alle caratteristiche dell'investitore. Nel nostro caso, un portafoglio con una componente azionaria vicina al 50% (attuale) è più rischioso di uno con una componente del 40% (iniziale).
- perché ribilanciando in automatico si vende ciò che è salito e si compra ciò che è sceso. I perdenti di oggi saranno i vincitori di domani e viceversa*. Nel nostro caso si vende azionario e si compra tutto il resto.
 - perché decidere in anticipo di effettuare il ribilanciamento una o due volte l'anno in un dato periodo (può essere a fine anno, come in aprile o in agosto) ci aiuta a mantenere una disciplina e ad evitare di tentare di anticipare i mercati.

L'operazione di ribilanciare periodicamente il portafoglio ha l'effetto di ridurne il rischio e aumentarne il rendimento di lungo periodo.  

E' possibile inoltre decidere di effettuare un ribilanciamento tattico quando un dato mercato è cresciuto o ha perso molto in un lasso di tempo relativamente breve; come per l'azionario nel marzo dell'anno scorso.

E' importante tenere bene a mente che ogni movimento e variazione del portafoglio d'investimento ha dei costi, sia in termini fiscali (pagamento capital gain) che operativi (eventuali costi per acquisti e vendite).

In tutti i casi è possibile ribilanciare il portafoglio effettuando un deposito, riducendo in questo modo sia i costi operativi che quelli fiscali. 

* Inteso come settori (tecnologia, salute, finanziari, ecc), regioni (USA, Europa, Asia, ecc), stili d'investimento (value vs growth) e macro-asset (azionario, obbligazionario); non come singoli titoli.

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis