Alcune cose che devi sapere e che dovresti ricordare durante una correzione dei mercati

Alcune cose che devi sapere e che dovresti ricordare durante una correzione dei mercati



Siamo tutti disciplinati investitori di lungo periodo... almeno finché il mercato non crolla



I periodi di correzione sono una caratteristica inevitabile ed ineliminabile dei mercati.
Sono anche la sfida più grande che tu, come ogni altro investitore, dovrai affrontare.
Non a causa delle perdite (spesso temporanee) che subirai, ma per le scelte sbagliate che questi periodi molto emotivi possono indurti a prendere.


I mercati ribassisti cambiano completamente la dinamica decisionale tanto che spesso decisioni d’investimento di lungo termine, intelligenti e ben ponderate, sembrano sciocche e avventate nel breve termine.


Se vuoi investire con successo negli anni e raggiungere l’indipendenza finanziaria e i tuoi obiettivi, devi essere in grado di superare questi difficili periodi.


Ci sono alcune caratteristiche dei mercati ribassisti che vale la pena ricordare:

Sono inevitabili: le correzioni e i crolli sono un aspetto radicato dell'investimento azionario (e in parte obbligazionario). Sappiamo che accadranno; non possiamo sapere quando o perché.
Il fatto che si verifichino non dovrebbe quindi giungere come una sorpresa.

Sembrerà prevedibile: man mano che i prezzi scendono sembrerà evidente che una situazione del genere si sarebbe verificata: i segnali di pericolo erano palesi!
Ignorerai allegramente tutti gli altri periodi in cui i segnali di allarme lampeggiavano come impazziti eppure non si è verificato alcun cataclisma.

Il tuo orizzonte temporale si contrarrà: le correzioni inducono il panico, il che significa che il tuo orizzonte temporale si ridurrà drasticamente. Smetterai di preoccuparti del valore del tuo portafoglio fra trent'anni e inizierai a pensare ai prossimi trenta minuti.
Essere un investitore di lungo termine diventa ancora più difficile durante un mercato ribassista.

I prezzi più bassi fanno bene ai risparmiatori di lungo termine: nel breve termine, i mercati ribassisti portano perdite dolorose e preoccupanti, ma per un investitore che ha un orizzonte di lungo termine (soprattutto i giovani), i prezzi più bassi sono una vera manna dal cielo.


Le perdite saranno temporanee: investimenti ben ponderati e ampiamente diversificati subiranno perdite solo temporanee.
Viceversa decisioni d’investimento avventate, investimenti molto concentrati o su singoli titoli, o su mercati con valutazioni fuori da ogni logica porteranno probabilmente a perdite molto durature o permanenti.

Le emozioni saranno padrone: la nostra capacità di prendere decisioni lungimiranti e di buon senso durante un crollo dei mercati è gravemente compromessa.
La ragione sarà messa all’angolo e le emozioni (paura e panico) prenderanno il sopravvento: cosa succede se le cose continuano a peggiorare e io non ho fatto nulla al riguardo?
È durante questi periodi che una strategia d’investimento decisa in anticipo a mente lucida fatta di ribilanciamenti e di acquisti regolari si rivelerà una salvezza.

Verrà messa alla prova la tua tolleranza al rischio: i mercati ribassisti sono il momento peggiore per scoprire la propria tolleranza al rischio. Tutti diventano avversi al rischio quando perdono denaro.
Il problema per gli investitori è che vivere sulla pelle una perdita del 37% è molto diverso rispetto a immaginarla come uno scenario ipotetico.
Se possibile, dovresti evitare di rivalutare la tua propensione al rischio durante i periodi difficili.

Proietterai il presente nel futuro: durante un crollo dei mercati è difficile vedere qualcosa in futuro se non una incessante negatività.
La tendenza sarà quella di credere che le cose continueranno a peggiorare, mentre presto o tardi miglioreranno.

Ogni crollo dei mercati si assomiglia, ma è profondamente diverso dagli altri: dovresti ignorare tutti i grafici che confrontano i ribassi attuali con altri simili nella storia. Non c'è motivo di credere che un sistema così profondamente complesso e imprevedibile come quello dei mercati debba imitare i modelli del passato.
Ogni investitore durante un mercato ribassista è infelice a modo suo.

I crolli sono il test comportamentale definitivo: i risultati di questi momenti difficili riguardano più noi che il mercato.
Investitori che entrano in un mercato ribassista con portafogli identici avranno risultati molto diversi in base alle decisioni che prenderanno.



I crolli dei mercati rendono molto più difficili tutte le normali sfide dell'essere un investitore di lungo periodo.
Il “rumore” delle fluttuazioni giornaliere del mercato diventerà assordante, controllerai il tuo portafoglio molto più frequentemente e potresti trovare irresistibile l'impulso di fare qualcosa, qualsiasi cosa.



Ognuno ha un piano d’investimento… fino a quando non sperimenta un crollo dei mercati
Joe Wiggins



QUI puoi iscriverti alla newsletter di Investire con Intelligenza

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis