Fai un patto con te stesso

 

“Il sottoscritto dichiara di essere un investitore che si prefigge di accumulare ricchezza per molti anni in futuro.”

Queste sono le prime parole del patto che Benjamin Graham, uno dei grandi economisti e investitori del secolo scorso, ritiene ogni investitore dovrebbe stipulare con sé stesso.

 

Prosegue così:

Sono consapevole che ci saranno molti momenti in cui sarò tentato di investire solo perché i prezzi di azioni ed obbligazioni sono saliti (o stanno salendo) e molti altri in cui sarò tentato di vendere i miei investimenti perché il loro valore è sceso (o sta scendendo)”
 

Nelle poche righe che seguono delinea alcuni comportamenti da tenere:
 
  • resistere alla tentazione di comprare e di vendere solo perché i prezzi salgono o scendono
     
  • comprare un po’ alla volta in maniera continuativa
     
  • aggiungere denaro agli investimenti quando ne si ha in eccesso rispetto alle ordinarie esigenze
     
  • impegnarsi a mantenere gli investimenti fino ad una data prefissata, che non deve essere inferiore a dieci anni
     
  • disinvestire solo in casi di effettivo bisogno di soldi per esigenze particolari
     
  • rileggere il contratto ogni volta che si è tentati di fare diversamente
 

Uno dei passaggi che preferisco è il seguente:
 
“Dichiaro solennemente che mi rifiuto di permettere a un branco di sconosciuti di prendere le decisioni finanziarie al mio posto.”
 
 
Proprio così, comprare perché i mercati salgono (e tutti vogliono comprare) e vendere perché i mercati scendono (e tutti vogliono vendere) equivale a delegare le proprie decisioni agli altri partecipanti al mercato, equivale ad adeguarsi e seguire il gregge.
 

Non dovrebbero essere i mercati, col il loro incessante sali e scendi e le loro capriole, a decidere quello che devi fare per il tuo benessere futuro.
Non trovi?
 
 
 
C’è inoltre un punto fondamentale ed è che il contratto è valido solo se firmato da almeno un testimone.

Qualcuno a cui poterti rivolgere ogni volta che provi la tentazione di agire diversamente da come ti sei prefisso. Che si tratti di un caro amico, di un compagno/a o di un consulente. 




QUI puoi iscriverti alla newsletter di Investire con Intelligenza

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis