Investire in un mercato in calo


Come investire una somma di denaro in un periodo di calo dei mercati?
Meglio investire tutto subito o un pò alla volta?

 

 


Durante un prolungato calo dei mercati è normale essere pieni di dubbi.
 
È ora di comprare?
 
È tempo di vendere?
 
È questo il punto di minimo?
 
Devo modificare il mio portafoglio?
 
Quanto ancora scenderanno le azioni? E le obbligazioni?
 
Quanto durano i cali dei mercati? Quanto sono profondi?
Quanto tempo ci mettono per riprendersi?
 
 
 
Una conversazione che ho avuto con diversi clienti, amici e familiari in queste
 ultime settimane è la seguente:
 
Come posso investire una somma di denaro durante un periodo del genere?
 
Il semplice fatto di porsi questa domanda e non altre (non sarà meglio
vendere?
), è indice del fatto che non si è in preda alle emozioni, ma si
sta cercando di prendere una decisione ragionata (giova ricordare che la
prima regola degli investimenti è comprare a prezzi bassi e vendere a prezzi
alti, non viceversa).
 
Eppure anche questo è un problema.
 
Se decidi di investire l’intera somma immediatamente e i mercati continuano
a scendere rimpiangerai di non averlo fatto un po' alla volta.
Se invece decidi di scaglionare gli acquisti e il mercato dovesse riprendersi
in fretta rimpiangerai di non aver investito tutto subito.
 
Sfortunatamente, entrambe le decisioni potranno essere valutate
positivamente o negativamente solo con il senno di poi.
Investire sarebbe molto più semplice se potessimo prevedere il futuro!
 
 
 
Quando si decide se investire tutto in una volta o nel tempo è quasi sempre 
meglio investire immediatamente in un’unica soluzione.
In genere, prima metti al lavoro i tuoi risparmi e migliore sarà il risultato.
 
Dico "in genere" perché l'unico momento in cui conviene investire un po' alla volta è durante un periodo in cui i mercati scendono (per un’analisi approfondita consiglio 
questo articolo di Nick Maggiulli).
 
Il più delle volte i mercati salgono.
Il mercato azionario cresce 3 anni ogni 4 in media, quindi mettere i tuoi risparmi al lavoro subito è in genere la soluzione migliore.
 
 
Le uniche volte in cui l’investimento scaglionato nel tempo tende a battere l’investimento in unica soluzione è durante uno scenario di prolungato calo del mercato (si pensi al 1972-73, 2000-2002, 2007-2009, ecc.).
Ma cosa succede se il mercato fosse già crollato come da inizio anno?
 
Quella in cui ci troviamo non è una situazione da fine mondo, ma i mercati sono lontani dai massimi raggiunti a fine 2021.
 
 
Diciamo che sei abbastanza fortunato da trovarti nella posizione di avere una somma da investire in questo momento. Come dovresti gestirla?
 
Hai diverse opzioni.
 
L'opzione n. 1 è semplicemente investire immediatamente tutti i soldi. Questa soluzione è la più semplice e lineare e probabilmente ti dà la più alta probabilità di un migliore risultato nel tempo.
 
L'opzione n. 2 consiste nello scaglionare l’investimento in un intervallo di tempo predefinito. Potresti investire il 20% della somma nei prossimi 5 mesi, il 10% nei prossimi 10 mesi o il 5% nei prossimi 20 mesi, ecc.
 
L'opzione n. 3 è un approccio ibrido in cui investi una grossa fetta della tua liquidità subito, diciamo il 50%, e il restante in un intervallo prestabilito.
 
 
Come scegliere la migliore soluzione?
 
Visto che non possiamo prevedere come si comporteranno i mercati, tutto dipende da come sei fatto e qual è l’orizzonte temporale del tuo investimento.
 
Più sei emotivo, soffri la volatilità dei mercati e il tuo orizzonte temporale è breve e più la soluzione consigliabile sarà quella di scaglionare l’investimento nel tempo.
 
Per contro, più il tuo orizzonte è lungo e tu sei tranquillo quando i mercati fanno le capriole, più sarà consigliabile investire tutto subito.
 
Se non hai le idee chiare, ti consiglio di utilizzare l’approccio ibrido: investi subito il 20-30% della somma e il restante mensilmente nei prossimi 12-18 mesi.

 
Non importa quale strategia deciderai di adottare fintanto che, una volta presa una decisione ponderata, vi rimarrai fedele a prescindere dall’andamento dei mercati.
 
 
Se il tuo orizzonte temporale non si misura in giorni, settimane o mesi, ma in anni e decenni, l’unica scelta che conta sarà quella di investire i tuoi risparmi o di non farlo.


QUI puoi iscriverti alla newsletter di Investire con Intelligenza

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis