Il pendolo

 

I mercati finanziari sono come un pendolo e una delle forze che li governa è quella del ritorno alla media.

Come un pendolo, i mercati oscillano tra un pessimismo ingiustificato e un ottimismo insostenibile.


 
 

Nel corso del 2021 abbiamo sperimentato l’ottimismo insostenibile.

Quello che ha gonfiato a dismisura le valutazioni di società che non producevano utili e di un mercato obbligazionario con rendimenti ridicoli se non negativi.
 

Nel 2022 stiamo invece vivendo il pessimismo ingiustificato.

Quello in cui non vediamo l’ora di disfarci degli stessi investimenti/mercati/strumenti che solo un anno prima non vedevamo l’ora di acquistare ad un prezzo maggiore. Oggi molti investitori vorrebbero vendere a 80 ciò che 12 mesi fa volevano acquistare a 100.
 
 
Dove sta la verità?
Come spesso accade, la verità sta nel mezzo.
 
Se nel 2021 le quotazioni sono cresciute a livelli eccessivi, nei mesi a venire accadrà il contrario.
 
Forti cali nei mercati portano a valutazioni più basse.
Valutazioni più basse portano a migliori rendimenti futuri.
 

Le valutazioni attuali, sia di azioni che di obbligazioni, sono più attraenti rispetto a 7 mesi fa.

Le obbligazioni ad oggi sono relativamente più attraenti rispetto alle azioni perché hanno subito un calo di portata storica da inizio anno mentre le azioni hanno subito un calo piuttosto lieve rispetto ad altre occasioni.
 

I prossimi 6/9 mesi saranno fondamentali per sfruttare le quotazioni più favorevoli e ottenere migliori rendimenti futuri.
Chi ha una visione di medio/lungo periodo dovrebbe augurarsi una ulteriore discesa dei mercati e delle valutazioni nei prossimi mesi in modo da poter acquistare a prezzi scontati.
 
 
Il pendolo è in movimento.

Dall’estremo dell’ottimismo insostenibile si sta dirigendo verso l’estremo del pessimismo ingiustificato.

Prima o poi questo movimento si arresterà e ripartirà poi in direzione opposta.
 
Il punto di svolta, come sempre accade, sarà riconoscibile solo con il senno di poi.

È quindi fondamentale che tu inizi a pensare fin da ora a come comportarti nei prossimi mesi.
Venderai in prossimità dei minimi o acquisterai?
 
 
Vuoi salire su questo treno o resterai in stazione a guardarlo passare?


QUI puoi iscriverti alla newsletter di Investire con Intelligenza

Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis