L'orso è arrivato e fa paura!

 



In gergo si parla di un "mercato orso" quando il mercato sta perdendo oltre il 20% dal precedente massimo.

Dall'inizio dell'anno si trovano in questa situazione sia il mercato azionario che quello obbligazionario, evento più unico che raro.

Se sei -comprensibilmente - preoccupato per l'andamento dei tuoi investimenti, è ora di farti dare un abbraccio.

Te lo avevo promesso quasi un anno fa.
Quando l'orso si sarebbe infine fatto vivo sarei stato qui e ti avrei ricordato queste parole.

Domenica 14 novembre 2021 ti scrivevo queste parole:




Se sei preoccupato, fatti dare un abbraccio
 

Se sei preoccupato che le valutazioni del mercato azionario siano stiracchiate, eccessive, troppo elevate, trova qualcuno che ti dia un abbraccio.

Lasciami spiegare.

Gli esseri umani sono programmati per desiderare ciò che dà sicurezza e piacere e per fuggire da ciò che invece causa dolore. 

 

Questo comportamento probabilmente ci ha tenuti in vita come specie, ma crea non pochi problemi quando investiamo.
 

Quando un uomo primitivo si trovava di fronte ad un pericolo, ad esempio un animale feroce, non stava a chiedersi se la belva fosse sazia, stanca, pigra o disinteressata alla preda (lui).
L’istinto gli diceva di fuggire e lui fuggiva.

 

Quando i mercati scendono e l’informazione (pornografia) finanziaria inizia ad urlare che dovresti metterti in salvo prima di finire a vivere sotto un ponte, è come se un animale feroce ti stesse inseguendo.

L'unica cosa da fare è correre!
 

Sentirsi spaventati è normale in quel momento e l'ultima cosa di cui hai bisogno è una lezione sulla storia dei rendimenti del mercato azionario a lungo termine.
 

Non hai bisogno di fatti, cifre e statistiche; hai bisogno di un abbraccio!
Hai bisogno di qualcuno che ti ascolti.
Hai bisogno di empatia, ascolto e comprensione.
Di un abbraccio (anche se solo figurato).

Dopo l'abbraccio, passato il momento di (comprensibile) emotività, quando tutti si sentono di nuovo tranquilli, possiamo interpellare la ragione, i numeri, la storia, le statistiche e rivedere l'attento lavoro analitico che è stato fatto per progettare il tuo portafoglio affinché si adattasse alle tue esigenze e ti permettesse di raggiungere i tuoi obiettivi.

 

Possiamo rivisitare le esigenze, gli obiettivi e i valori che abbiamo inserito in quell'analisi. Possiamo anche considerare le pesanti prove della storia e parlare di come la cosa migliore che possiamo fare è proseguire lungo il cammino tracciato perché alla base della nostra strategia avevamo messo in conto che momenti del genere sarebbero arrivati prima o poi.

Tutto ciò è importante.

Ma prima, un grande abbraccio da orso.

Ti senti meglio ora?


Ti scrivo queste parole oggi, 14 novembre 2021, e queste parole possono sembrarti razionali e persino scontate perché non ci sono animali feroci all’orizzonte ed è un po' che non se ne vedono in giro. 
 

I mercati negli ultimi 18 mesi sono andati in una sola direzione: verso l’alto.
E negli ultimi 5 anni, fatta salva la brevissima parentesi di febbraio/marzo 2020, hanno registrato rendimenti da capogiro. 

 

Ma le cose non potranno andare sempre così, i mercati non salgono sempre.
Salgono nel tempo, ma a volte precipitano.

 

Potrebbe succedere il mese prossimo, fra 1 anno o fra 5, ma verrà il giorno in cui ti troverai faccia a faccia con un animale feroce e la tua prima reazione, quella emotiva ed umana, sarà di fuggire.

 

Quel giorno sarò lì al tuo fianco e ti ricorderò queste parole.



QUI puoi iscriverti alla newsletter di Investire con Intelligenza


Commenti

I post più popolari

Fondi comuni: uno strumento costoso ed inefficiente

Il tacchino induttivista

Non esistono pasti gratis